Privacy Policy

Life Sentence: e se alla fine non dovessi morire?

Life Sentence è una serie tv molto particolare

Life Sentence è una nuovissima serie tv che non poteva passare inosservata perché ha proposto una nuova concezione dei telefillm basati sull’affrontare le malattie che molto spesso hanno degli esiti decisamente infausti, perché? La dolce Stella Abbott, interpretata da Lucy Hale, non morirà ma riuscirà a sopravvivere al cancro quindi la sentenza è vivere non morire. Questa particolare serire tv attualmente in Italia siamo alla prima puntata della prima serie andando a creare molta attesa per un prodotto molto interessante sotto tutti i punti di vista.

Stella Abbott riceve la peggior notizia di sempre perché i medici le diagnisticano un tumore allo stadio terminale con sentenza di morte a breve  quindi la sua famiglia si stringe intorno a lei cercando di farle passare gli utlimi mesi della sua vita come una continua avventura in modo da fare in modo che anche la dipartita potesse essere una avventura come le altre quindi viaggia a Parigi dove incontra Wes, un turista inglese che si era perso nella capitale francese, e lo sposa. Ma arriva la life sentence ovvero la sentenza di vita e tutto le crolla addosso perché la sua famiglia sta fallendo completamente con la madre lesbica che lascia il padre che a sua volta si è indebitato per concederle tutto ciò che desiderava e che ora rischiano di perdere la casa mentre il fratello continua a vivere a carico del padre. Anche problemi con Wes perché ora che la moglie non sta più per morire quindi si stanca di cercare di creare ogni giorno delle atmosfere molto elaborate.

Life sentence è un telefilm molto interessante riuscendo a portare un nuovo punto di vista nei telefilm drammatici medici ma con la possibilità di donare una speranza senza però essere troppo melenso quindi è praticamente adatto a tutti.Questo è il quesito: Hai accettato la morte ma sarai capace ad accettare la vita?